Un successo annunciato quello della decima edizione del Trofeo Milano, l’evento organizzato dal Club Milanese Auto e Moto d’Epoca sin dal 2007 che vede crescere di anno in anno il livello delle vetture, delle moto e del numero dei partecipanti. Non si tratta di una gara e nemmeno di un raduno, ma di un sapiente mix di prove di abilità e di regolarità spalmate lungo percorsi nella campagna lombarda su strade secondarie e poco trafficate, sullo sfondo di location molto speciali ed esclusive per la partenza, l’arrivo, la pausa per il pranzo e le premiazioni.

Quest’anno l’evento si è svolto sabato primo ottobre con partenza dall’Ippodromo di San Siro, gentilmente concesso al C.M.A.E. dalla Società Trenno, dove le 95 auto partecipanti, costruite tra il 1914 e il 1973, e le 36 moto prodotte tra il 1926 e il 1973 sono partite alla volta di Vigevano (Pavia). Per le auto era subito prevista una prova cronometrata di regolarità. Il tracciato prevedeva quindi il passaggio da Assago, Zibido San Giacomo, Noviglio, Pasturago, Bereguardo, l’attraversamento del fiume Ticino su un tradizionale ponte di barche galleggiante (passaggio reso difficoltoso dalla magra del fiume che ha abbassato di molto il livello stradale e costretto i concorrenti a percorrerlo a passo d’uomo per non rischiare, all’ingresso e all’uscita, di “toccare” sotto alle macchine). Il tracciato, lungo il quale era prevista una caccia fotografica, è proseguito per Parasacco, Borgo San Siro e quindi Vigevano dove, nella splendida piazza Ducale (una delle più belle e famose d’Italia) le vetture sono state presentate al pubblico dal presidente del C.M.A.E., Marco Galassi. Parco chiuso (ma aperto al pubblico) all’interno del castello della città, pranzo e ripartenza verso Milano lungo l’alzaia del Naviglio Grande. L’arrivo al Castello Sforzesco nel capoluogo lombardo è avvenuto a partire dalle 16.

Qui è stato possibile ammirare il modello in scala 1:1 dell’aereo L39 C Albatros, copia di quelli in uso alla pattuglia di piloti civili professionisti del Breitling Jet Team, che effettua esibizioni acrobatiche mozzafiato con velocità prossime ai 700 km/h. La casa orologiera Breitling, main partner del Trofeo Milano, ha messo a disposizione degli ospiti una lounge per rilassarsi accanto alla quale erano esposti i cronografi, uno dei quali, il Bentley GMT della linea Breitling for Bentley è andato in premio all’equipaggio vincente. In mattinata, invece, sempre all’interno del Castello Sforzesco, i bambini con età compresa tra i tre e i sei anni hanno partecipato all’UNICEF – MINI GP in un circuito appositamente allestito pilotando dieci automobiline a pedali in un’area chiusa sotto l’occhio attento dei vigili della Polizia Locale milanese.

Ciò ha permesso di raccogliere 1500 euro che il C.M.A.E. ha poi consegnato all’UNICEF, che festeggia i suoi 70 anni di attività. Ma torniamo alla manifestazione: all’arrivo sotto l’arco del Club Milanese Auto e Moto d’Epoca c’erano ad attendere i concorrenti la Polizia di Stato, l’Associazione Nazionale Carabinieri, i Vigili del Fuoco di Milano, il Corpo della Polizia Locale di Milano con i loro mezzi storici oltre alla Banda del Corpo Musicale della Polizia Locale di Milano e l’Associazione Culturale Bandiere Storiche che ha celebrato la Giornata Mondiale della Vessillologia. Presente anche il Corpo dei Volontari della Protezione Civile milanese.

Le auto storiche sono state brillantemente illustrate da Andrea e Michele, i noti presentatori di Radio Deejay, tra un pubblico entusiasta composto da turisti, semplici cittadini e appassionati. Il parterre era d’eccezione e andava da modelli di inizio Novecento, come la Lancia Theta Torpedo del 1914, il Fiat 15 Ter Autopompa dei Vigili del Fuoco (in divisa d’epoca) del 1916, a quelli degli anni 20 e 30 (Lancia Lambda VIII serie del 1930, Fiat 508 S Balilla Coppa d’Oro del 1934, Bentley Derby 3 ½ Park Ward del 1935, Cord 812 Sportsman del 1937) a quelli degli anni 40 (Alfa Romeo 6C 2500 Sport Pininfarina e Fiat Topolino del 1947, Lancia Aprilia del 1948) e degli anni 50 e 60 (erano moltissime, tra le altre segnaliamo la Osca MT4 del 1952, la MG TD del 1953, la Lancia Aurelia B24 Spider America del 1955, la Mercedes 300 SL Ali di gabbiano del 1956 oltre a varie Alfa Romeo Giulietta berlina, spider, Sprint e Super Sprint). E poi Aston Martin DB5, Panhard 24 CT, Porsche 356 e 912, Ford Mustang, Alfa Romeo Duetto, Autobianchi Primula Coupé S e altre ancora. Molta curiosità ha destato la Lancia Flaminia berlina del 1962 con gancio di traino e, sul carrello, una barca a vela Dinghy d’epoca.

In serata, nel cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco, durante la cena sono stati consegnati i premi: il più ambìto, quello riservato al primo assoluto, l’equipaggio composto da Marco Stella e Cristina De Albertis su Lancia Flaminia Convertibile Touring del 1964 era costituito dal diritto di conservare per un anno, fino cioè all’edizione successiva, il trofeo messo in palio dal C.M.A.E., un “vero fiocco in marmo” di una guglia del Duomo di Milano che, logorato dal tempo, dopo oltre 300 anni di onorato servizio è stato smontato da una guglia della cattedrale e concesso dalla Veneranda Fabbrica del Duomo in comodato d’uso al C.M.A.E. Oltre al fiocco, la coppia Stella-De Albertis ha vinto l’orologio Breitling messo in palio dalla Casa orologiera.Al centro del cortile spiccava il Cinemobile del 1936, un veicolo molto speciale che all’epoca portava i film nelle piazze e assegnato da Regione Lombardia alla Cineteca Italiana di Milano e al C.M.A.E. per la sua valorizzazione.

Al Trofeo ha permesso di proiettare su schermo le immagini dell’evento appena trascorso. Altri premi sono stati offerti dalla Mafra, l’azienda specializzata in prodotti per la pulizia e la manutenzione dell’auto, sponsor storico del C.M.A.E. che collabora a tutti gli eventi organizzati dal sodalizio e da Nuncas (prodotti per la casa). Calzoleria Rivolta ha quindi assegnato ad Anna Airaghi su Alfa Romeo Giulia SS, risultata la migliore nella prova “Pit Stop”, un paio di scarpe da guida.

Per le foto in alta risoluzione vai su www.cmae.it – area STAMPA – FOTO IN ALTA RISOLUZIONE

(cartella X Trofeo Milano 1° ottobre 2016)

Ecco nel dettaglio i premi assegnati:

VINCITORI TROFEO MILANO:

Marco Stella e Cristina De Albertis

Lancia Flaminia Convertibile Touring del 1964 n. di gara 68

VINCITORI CATEGORIA VETERAN:

Giulio Caimi e Elena Rosnati

Lancia Theta Torpedo del 1914 n. di gara 1

VINCITORI CATEGORIA VINTAGE:

Franco Dameno e Giovanna Rota

Ford A Roadster De Luxe del 1930 n. di gara 8

VINCITORI CATEGORIA POST VINTAGE

Ewan Gallie e Orla Signorotto

Bentley Derby 3 ½ Litre Park Ward del 1935 n. di gara 15

VINCITORI CATEGORIA CLASSIC

Enrico e Ilaria Bassani

Abarth 750 Zagato del 1957 n. di gara 42

VINCITORI POST CLASSIC

Marco Stella e Cristina De Albertis

Lancia Flaminia Convertibile Touring del 1964 n. di gara 68

VINCITORI MODERN

Giovanni Besana e Eugenia Fassati

Fiat 500 R del 1973 n. di gara 95

VINCITORI COPPA DELLE DAME

Anna e Giannina Airaghi

Alfa Romeo Giulia SS Bertone del 1963 n. di gara 64

VINCITORI COPPA GIOVANI

Andrea Galassi

Volkswagen Maggiolino Cabriolet del 1970 n. di gara 94

Scarica il PDF:

x-trofeo-milano-un-successo-annunciato